giovedì 16 gennaio 2014

Tornare bambina...



Avevo voglia di tornare bambina, di porre un freno a un certo tipo di consapevolezza.
   Avevo voglia di sentirmi viva e appassionata, di rinnegare il condizionamento del mondo, di tornare alle radici, se di radici si poteva parlare, e ripescare il mio vero io.
   E mi sono resa conto che l’io “solitario” non esiste, io, sono un insieme di persone in fondo. Di quelle più positive, e, ahimé, di quelle più negative.

   Della mamma, con la sua creatività e la sua estrema vitalità, quando con il suo grande amore mi portava nelle favole cantando: “Basta un poooco di zuccherooo e la pillolaaa va giuuuù!”, del papà, con il suo muto silenzio, e le sue urlanti bestemmie, quando sbatteva le sedie, o noncurante se ne andava al bar.
   Del fratello, con la sua distanza e la sua malinconia, mentre pensava ai sogni infranti e si allontanava sempre di più dalla nostra vita. Della nonna, con la sua paura di morire scongiurata da cento Ave Maria e duecento Padre Nostro, mentre irrompeva nella mia cameretta assicurandosi che avessi pregato a pappagallo, altrimenti sarebbe arrivato il diavolo col suo forcone.
   Dell’unica vera amica, che con le sue paturnie si negava la serenità, e con le sue premure faceva sentire la sua voglia negata di maternità, e che attraverso le sue insicurezze ha annegato un vero sentimento, lasciandoci sole. Di mio marito con la sua rabbia, a sua volta impiantata geneticamente da una madre a cui è stato tolto il marito troppo presto, e allo stesso tempo con il suo grande amore, con cui è riuscito a capire la parte più profonda di me, e attraverso il quale ha lottato per migliorarsi ed essere ora l’uomo più stupendo del mondo.

   E poi di te, sì, di te, che non eri umano ma che mi hai dato la parte più buona, parte che Dio ha usato per entrare nel mio cuore. Di te mio piccolo grande Pio, che con la tua vitalità e la tua allegria mi hai regalato la vita mostrandomela attraverso il tuo sguardo, facendomi sentire madre, nonostante agli occhi del mondo non lo fossi.
   Di te, che hai portato via il mio cuore, dandomi la possibilità di averne uno, si spera, migliore. Di te, che in fondo resti e resterai il mio miracolo per sempre.

   E poi ci ripensai, sì, ci ripensai bene al fatto di tornare bambina e cambiai idea.
   ‹‹A quella bambina timida, troppo piccola per il mondo e troppo grande per la sua età non ci voglio tornare›› mi dissi. ‹‹Proprio no.››

   Quindi proseguii dritta per la mia strada, riflettendo sulla mia aridità e il mio invecchiamento, non accorgendomi che infondo, invecchiando stavo ringiovanendo, e che sull’aridità del cuore stavano crescendo delle margherite, esatto! Proprio delle margherite, i miei fiori preferiti.
   
    E a quel punto la incontrai.

   Era pitturata in faccia, perché si era impiastricciata giocando con i colori, aveva le ginocchia sbucciate, perché si era divertita ad andare gattoni con tutti gli animali di cui era circondata, aveva i riccioli fradici, perché non si era lasciata scappare l’occasione di nuotare con i delfini e di cavalcare una foca un po’ contrariata. Ed era libera; perché il dolore sapeva tramutarlo in gioia, la paura, in coraggio, l’istinto, in una corsa contro vento verso nuove avventure e l’odio e il rammarico, in amore e perdono. E poi era trasparente perché sapeva dire sempre la verità…

   ‹‹E tu chi sei?›› le chiesi.
   ‹‹Sicura che non lo sai?›› mi domandò arricciando il naso.
   ‹‹No piccola, non lo so›› risposi sorridendo, ‹‹però mi sarebbe piaciuto tanto, essere una bambina come te…››
   A quel punto prese a ridere di una risata pura e incontaminata dalla malizia, e si mise a correre nell’erba alta senza temere i suoi amici insetti, né le laboriose api che le volavano attorno, ed era così veloce che faticavo a starle dietro con lo sguardo, finché nell’erba intravidi un codino a cavaturacciolo e un sederotto sculettante, che sulle tozze quattro zampe come un pazzo tentava di seguirla nella corsa, e allora il mio cuore si fermò.

   Ero io quella bambina. Accidenti sono io! Era il mio io depurato da tutto il male. E capii che quell’io ce l’abbiamo dentro tutti, solo che a volte non ce ne accorgiamo, o lo lasciamo appassire non annaffiando le margherite.

    Guardai in alto nel cielo azzurro e mi parve di scorgere un sorriso, a cui di rimando mostrai il mio.
   Avrei lottato per quella bambina, oh sì, avrei lottato per raggiungerla e mantenerla in vita, e mio Padre, che in fondo mi ha sempre conosciuta e mi ha cresciuta anche quando non lo sapevo, mio Padre mi aiuterà. 

   A proposito, sapete come mi piace immaginare l’Eternità? Mi piace immaginarla piena di bambini impiastricciati, intenti a fare ciò che sulla terra gli è stato negato di fare, concentrati nei loro sogni, che sulla terra gli hanno fatto credere fossero solo fantasie.

   Torna bambino, sorridi andando a Dio. C’è sempre speranza, e l’io, quell’io incontaminato, è lì che ti fa l’occhiolino, ansioso di partire per una corsa senza limiti. :)

“Ma Gesù disse: «Lasciate i bambini, non impedite che vengano da me, perché il regno dei cieli è per chi assomiglia a loro».”
Matteo 19:14

24 commenti :

  1. ...ma perchè mi devi fare sempre venire i lucciconi??
    Poi su" l’uomo più stupendo del mondo" hai un pò esagerato!! :-)
    Semmai devo dire io quanto sei stupenda e paziente con me è questa la verità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh... direi che siamo una coppia ben assortita maritino mio :D Come ti ho detto nei nostri squilibri ci equilibriamo, e sì che sei stupendo! E poi non mi dire che non ti dico mai cose belle... ;D

      Elimina
  2. sarebbe bello rimanere bambini per sempre ma non si puo',comunque si puo' far vivere quella parte dentro di noi
    io ho vissuto una bella infanzia,ora adulta non vorrei tornare indietro perche' e come se fossi un altra persona,quella era la prima parte della mia vita ora sto vivendo la seconda e se Dio vuole vivro' la terza.

    quando ti sei descritta bambina tra gli animali mi hai fatto venire in mente il nuovo mondo sulla Terra

    sai come mi piace immaginare l’Eternità? Mi piace immaginarla piena di bambini impiastricciati, intenti a fare ciò in una terra senza il male e le cose brutte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel cuore possiamo rimanerlo, la mia mamma è rimasta bambina fino ai 63 anni :D, ma non parlo chiaramente dei bambini "fisici" che eravamo ;D

      Elimina
  3. grazie per questo racconto, mi hai commosso, è sempre bello leggerti. ricca di spunti per riflettere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per le tue parole... mi incoraggi sempre ♥

      Elimina
  4. Risposte
    1. beh, di quello che ho scritto nel post, il bambino interiore che è dentro ognuno di noi anche quando cresciamo, e non è più il bambino fisico, ma quello di cui parla anche Gesù e la Bibbia. L'io "bambino" che abbiamo dentro che è privo di malizia, che si stupisce ancora della bellezza delle cose, come se le vedesse per la prima volta... recuperare la purezza di cuore con l'aiuto di Dio ci fa tornare bambini :)

      Elimina
  5. questa e' la vostra speranza e la rispetto pur non condividendola :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Claudia, non capisco cosa non condividi?

      Elimina
  6. Cristian Maugeri, senza volerlo ti ho tolto il commento! Scusami! Ricopio qua sotto quello che ho recuperato dalla bacheca di blogger se vuoi copialo e incollalo sul un un tuo commento e se ti ricordi scrivi ciò che manca...

    bambini, veri bambini immacolati! torneremo ad essere così, questo è quello che non vedo l'ora di diventare, essere spensierato e felice in eterno...troppo bello per essere vero e ci vuole molta fede per credere a ciò, ma sarà così! Ci rivediamo di là bambini, non mancate che ci divertiremo all'infinito! su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. puoi lasciarla così, il finale non lo ricordo, ma il pensiero è quello, essere bambini dentro per poter poi godere del regno dei cieli.

      Elimina
    2. ok Cristian, va benissimo anche così ed è davvero un bel commento, pieno di speranza e positività :D

      Elimina
  7. I bambini sono puri e sono fonte immensa di ispirazione. Conservare il loro modo di guardare il mondo non può che farci apprezzare la bellezza della vita. E tu cara Vivy, proponi sempre interessanti spunti di riflessione. Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura e benvenutissima! :D
      Grazie infinite per il tuo commento e le tue parole che mi fanno spuntare un sorriso di gioia, e mi incoraggiano a continuare a scrivere :)
      Un carissimissimo saluto a te e a presto! ♥

      Elimina
  8. Io se incontrassi quella bimba che ero avrei così tante cose da dirle, così tante consigli da darle...ma di certo non mi ascolterebbe e farebbe di testa sua perché mi conosco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah! Sì è probabile che non ci ascolterebbero, ma se hanno il cuore così puro, forse è meglio così!
      Grazie di essere passata!! Mi fa immenso piacere, a presto!! :D

      Elimina
  9. Una descrizione di te molto bella,complimenti Vivy!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Olga! é sempre bello averti qui :D

      Elimina
  10. Caro Fabio, goditi appieno delle belle parole della tua mogliettina! e ringrazia che lei sia Vivy :-)
    P.s. ma che bella la foto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma grazieeeee! E' una delle mie foto preferite con la mia mamma, c'è molto di noi in questa immagine, sono tanto contenta ti sia piaciuta! ♥
      Ah... il maritino ti saluta :D

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  11. Viviana sei stupenda. ..! In questo post mi hai fatto tornare in mente momenti della mia infanzia che, allora volevo fuggire, oggi ci vorrei tornare! Di tanto in tanto mi piace tornare dentro quei cassetti chiusi ormai da un bel po di tempo...! Tu veramente sei stupenda che scrivi cose che vanno dritti al cuore...! Dio continui a benedire le vostre vita cara sorellina in Gesù....!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! sta volta ci sei riuscita a commentare e allora: BENVENUTISSIMA! :D
      Ti sono gratissima per il sentimento che ci metti nello scrivere e per l'affetto che leggo nei miei confronti... ma guarda che non sono stupenda! Dio lo è insieme alla speranza che mi da e che non posso non trasmettere! e se ci riesco è solo grazie a Lui ♥
      Che il Signore benedica immensamente te! Ti mando un abbraccio ultra :D

      Elimina

Se vi va lasciate un commento, e vedrete che dal monitor sorriderò! :D