lunedì 16 dicembre 2013

La Solitudine




La Solitudine è una gran chiacchierona.
   Ti parla anche se non vuoi sentire.
   Ti tormenta finché non la stai ad ascoltare.

   Allora… facciamola finita, sentiamo, cos’hai di nuovo e d’interessante da dirmi oggi?
   Che il futuro è incerto, che a mio papà non interessa niente che mi sposo, che mio fratello sarà per sempre un ricordo triste nella mia vita e che sono stata una delusione per mia mamma?
   Potevi sforzarti di più amica mia… sempre le solite cose, sappi che così fai venire proprio voglia di isolarsi anche da te, e poi sarai tu a rimanere sola, mia cara.

   Come? Vuoi farmi credere che ho tutti i difetti del mondo, che fallirò nel prossimo progetto e che non amerò mai più come prima?
   Già sentite anche queste: trite e ritrite.

   Eppure amica mia, sai essere anche piacevole. Abbiamo viaggiato insieme così tante volte! E in mondi così affascinanti e lontani… Con te ho fatto le scelte migliori, e forse perfino delle riflessioni sensate.
   Mi hai fatto ammirare cieli stellati alla sola compagnia del chiacchiericco delle civette. Mi hai fatto correre su spiagge dorate al solo rumore del vento e delle risate silenziose del mio grande amore terreno, nel corpo di un bulldog… 
   E poi mi hai fatto rendere conto di avere molto…  allora perché a volte vuoi farmi credere che non ho nulla?
   Perché vuoi portarmi via l’equilibrio e mi assordi con la malinconia, e mi colpisci al frastuono dei sensi di colpa e dell’inadeguatezza? Perché mi trafiggi con i tuoi urli privi di suoni ma tanto potenti da struggermi l’animo e da farmi sentire sola anche in mezzo alla gente?

   Malgrado ciò, amica mia, ti devo molto, sai perché? Non è possibile che tu non lo sappia… dopo tutto il tempo passato insieme!
   Visto che sei così curiosa te lo svelo; ti devo molto perché sei stata tu a farmi trovare il mio migliore Amico, non un amico di tutti giorni, no, un amico con la A maiuscola che mai mi tradirà.

   Ah sì? Ti viene da ridere? Dici che un amico così non esiste? Beh mi spiace deluderti, perché un amico così esiste ed è vero e reale: si chiama Gesù.
   Ricordi quando ero bambina, nel sottoscala della nonna? Tra l’eco del mio pianto al pensiero che Engje potesse morire, quando ero aggrappata al suo morbido pelo, un raggio di sole è entrato con forza dalla vetrata e l’ho percepito. Tu cara Solitudine pensavi di essere l’unica, invece Dio era lì. 
   Tuttavia me lo hai fatto conoscere apertamente mentre mi volevi abbattere con la disperazione, ricordi? Ero inghiottita da te e mi pugnalavi, lui era morto, non c’era più e volevi solo farmi vedere il buio, farmi credere che sarei stata sola per sempre, e non tacevi… finchè in un attimo di silenzio profondo ho udito la voce più soave che esista.
   Mi ha avvolto con il calore, mi ha incoraggiato tramite il Suo amore, e da quel momento… eh, da quel momento sei stata vinta, amica mia.
   Non ti abbattere, potremo ancora fare i nostri viaggi insieme, solo che ci sarà Lui a proteggermi nel momento in cui deciderai di urlare. La Sua voce ormai sovrasta la tua, e se Lo si ascolta è proprio in te: solitudine, che si fa sentire forte.

“Egli lo trovò in una terra deserta, in una solitudine piena di urli e di desolazione.
Egli lo circondò, ne prese cura, lo custodì come la pupilla dei suoi occhi.”
 Deuteronomio 32:10

   Lo senti? No, non sei pazzo, è proprio accanto, e non ha intenzione di lasciarti… mai.







24 commenti :

  1. Che dire Stillina....hai tanti doni e questo racconto mi ha commosso e fatto sorridere contemporaneamente.
    Hai la capacità di trasmettere tantissime sensazioni ed emozioni e non lo dico perchè di parte, lo dico perchè è verità! :X

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie buntino!! Sono felice che ti abbia emozionato questa pagina di "pazzia estemporanea" :D
      Spero tanto che possa incoraggiare qualcuno che ha vissuto momenti simili ai miei, che possa offrire una speranza...
      Mi stai sostenendo molto... GRAZIE GRAZIE GRAZIE! ♥

      Elimina
  2. Mi spiace sapere che a tuo padre non interessa del vostro momento che finalmente vi unirà nel Signore e per legge per sempre e che spero curiate ogni giorno senza distruggerlo e macchiarlo mai! Per il resto la solitudine è qualcosa che molti non amano o vedono sempre negativa, ovviamente troppa solitudine non è bella , ma un pò ogni tanto ci vuole, per riflettere e per trovarsi soli con Dio come ricordi anche tu, a me piace invece la solitudine salutare, quella che dobbiamo credo ogni tanto trovare per pregare e chiedere aiuto e conforto a chi può darci sempre nuova forza. Credo che Dio lo si sente più in solitudine che in compagnia e riesci soprattutto a capire cosa ti chiede, mi vengono sempre in mente le lunghe preghiere in solitudine di Gesù con Dio e quanto Lui venisse sempre rinforzato da questo, credo che proprio questo era un'esempio che Gesù ci lascia scritto sul libro magico per far si che chi si sente solo e pensa che nulla possa aiutarlo o sentirlo invece come hai ben detto tu Lui cè sempre! Un abbraccio! Quando allora le nozze?

    RispondiElimina
  3. Carissimo Cristian, proprio oggi, alle 17 abbiamo appuntamento in comune per le pubblicazioni :D quindi direi che entro sta sera potremmo sapere la data! Poi vi faremo sapere a te e a Sonia :)
    Riguardo a mio papà... che dire? Gli voglio tanto bene (merito di Dio), ma potrei scrivere un libro su di lui... ne risulterebbe un "fumetto" o più un personaggio surreale. Purtroppo, non ha mai pensato molto ai sentimenti degli altri, infatti non è che si rende conto di ferire... non ha voglia di essere presente al matrimonio perchè deve muoversi dal suo paese e perchè fondamentalmente non gli interessa, pazienza! Ci sarà il mio Grande Papà e questo è ciò che conta :)
    Invece il tuo discorso lo condivido pienamente, infatti prego che chi soffre di solitudine possa presto sentire che solo non è!
    Allora a presto!!

    RispondiElimina
  4. Mi fà molto piacere, meno per tuo padre ma anche'io ne ho uno simile anche se al mio matrimonio è venuto e non sarebbe mai mancato, di dispiaceri me ne ha dati e darà e ti capisco! Purtroppo quando non hanno Dio nel cuore bisogna solo pregare affinchè spero per loro possano capire l'unica cosa utile per loro vita, per il resto noi dobbiamo farci passare tutto anche se con sofferenza! Finalmente il vostro momento sta arrivando questa è l'unica cosa che conta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace anche per il tuo di papà... sì, io confido con tutto il cuore nel Signore per lui... preghiamo!
      Eh già... ormai siamo agli sgoccioli :) presto vi faremo sapere... un abbraccio!

      Elimina
  5. il convegno a cui ha ho avuto il privilegio di assistere questa estate e' stato detto che una cosa e' sentirsi soli,un altra e essere soli. dobbiamo farci la nostra vita anche se i nostri genitori .
    purtroppo i miei genitori se mi dovessi sposare con un TDG sarebbero delusi ma la vita e' la mia

    AUGURI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Claudia per gli auguri!
      A volte noi deludiamo i genitori... e purtroppo a volte sono loro a deludere noi. E' triste, per questo rimango ancorata a ciò che ho scritto nel post della delusione ;)
      A te auguro di avere gioia nella vita e di realizzare i tuoi sogni nel Signore, un abbraccione!

      Elimina
  6. Ciao Vivy,
    sono passata a trovarti :) scrivi con molta passione e trasporto e il tuo blog è già seguito. Continua così e tanti auguri affinché si esaudiscano i tuoi desideri: hai ragione la fede è la migliore compagna nella vita :D
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Che bellissima sorpresa! Mi hai emozionato :) e fatto sorgere un bel sorrisone :D
      Ti ringrazio davvero immensamente per il tuo incoraggiamento, se Lui vorrà ce la metterò tutta, mi appassiona molto scrivere e condividere.
      Ti auguro la stessa cosa, che possano avverarsi anche tutti tutti i tuoi desideri.
      A presto sì!! :D

      Elimina
    2. Alfredo Gennari20 dicembre 2013 18:27

      Ciao Viviana, ho dato una scorsa alla tua "vita" e direi che ci potresti tirar fuori un bel libro, hai un bel modo di esprimere per iscritto i tuoi pensieri, i tuoi sentimenti e le tue sensazioni.
      La solitudine è una gran brutta bestia, io ci litigo e basta, non mi aspetto niente da lei, non ho mai avuto niente da lei, quello che ho trovato l'ho trovato lontano da lei. Però devo dire che sono sempre stati molto pochi i momenti in cui lei è stata la mia sola compagna, in qualche modo l'ho sempre "fregata" ... chissà se riuscirà a vendicarsi ...
      Ciao
      Alfredo

      Elimina
    3. Ciao Alfredoooo! che piacere averti qui! :D Un superbenvenuto a te!
      Grazie infinite per i complimenti! E grazie a Dio che mi permette di scrivere... In effetti un libro è quasi pronto da mandare a degli editori... e se Dio vorrà, qualcuno me lo pubblicherà e sarà un "miracolo" per me, oltre che un sogno.
      Beh... figurarsi se non ci litigavi con la solitudine... mica avevo dubbi! ;) E tu sei troppo scaltro, la fregherai sempre, così lei non potrà mai vendicarsi!
      Ti auguro di essere sempre attorniato da persone che ti vogliono un gran bene, come me! :D
      A presto!!

      Elimina
    4. anche tu fratellone Alfredo in quest oasi
      ricordi il convegno ? anche quando siamo soli se Dio e con noi non lo siamo.
      poi un po' di solitudine non fa male,anzi poi non vediamo l'ora di stare con chi ci vuole bene .
      Viviana scrive meglio di me ma ognuno ha i suoi doni
      un abbraccio

      Elimina
    5. Alfredo Gennari21 dicembre 2013 20:49

      ecco due belle persone che mi aiutano a "fregare" la solitudine, Viviana e Claudia. Se vi par poco ...

      Elimina
  7. grazie per belle,ma anche tu non scherzi ;)

    RispondiElimina
  8. Complimenti, hai la capacità d'intrattenere chi ti legge, con molta semplicità, davvero brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bellissimo complimento Vincenzo! Grazie! davvero di cuore e un'enorme benvenuto a te!! Che gioia! :D

      Elimina
  9. Bellissimo racconto. Molto vero, almeno per me e per le sensazioni provate in passato e ritrovate nelle tue parole.
    Riesci a toccare la parte più profonda dell'animo umano risvegliando emozioni e sentimenti assopiti.

    Grazie Vivy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore a te Rosalia... in effetti è incredibile ma, certi sentimenti accomunano tutti noi, così come certe esperienze. Ringrazio il Signore se ti ha toccato questo scritto e ringrazio ancora te per esserci e per il tuo affetto ♥
      Un grande abbraccio!

      Elimina
  10. Come sei brava, scrivi benissimo e questo bel racconto mi ha emozionato molto. Ciao dolcissima....
    Grazie. Ti abbraccio. Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeeeeeeeee!! Ale, sono felicissima che ti abbia emozionata, e ringrazio Lui per l'ispirazione che mi da! Ti abbraccio forte fortissimo con tanto tanto affetto ♥ :D

      Elimina
  11. ho trovato questo racconto struggente e sembrava quasi composto da me ... nela prima parte ... solo la prima ... la seconda deve ancora trovare una ragione sono felice che tu abbia trovato questa tua forza ... lo meriti ... un abbraccio
    giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Giusi... credo che nonostante le diversità, in fondo ci uniscono parecchi sentimenti e parecchie esperienze. Scrivo, oltre che per "sfogarmi", anche per incoraggiare chi magari come me, può aver passato, o sta passando, determinate cose, nella speranza di far vedere che c'è Speranza :)
      Io sono debole in realtà, piena di pensieri, paure, limiti... ma la forza di Dio si mostra in me proprio in queste cose, perchè me le fa superare, mi fa vedere oltre :) anche per te può essere lo stesso, basta che Lo chiedi a Dio e Lui come ha fatto con me, farà con te ;)
      Ti abbraccio forte e grazie ♥

      Elimina

Se vi va lasciate un commento, e vedrete che dal monitor sorriderò! :D