giovedì 3 aprile 2014

I passi del cuore #3


“Tu non temere perché io sono con te; non ti smarrire perché io sono il tuo Dio; io ti fortifico, io ti soccorro, io ti sostengo con la destra della mia giustizia.”
Isaia 41:10 

Quando stavo nel “buio” in ciò che io chiamavo “nero più nero”, mi mancava il fiato, correvo tra le ansie, o mi immobilizzavo nelle angosce, e ciò che avvertivo profondamente, prima di conoscere il Signore, era il senso di solitudine.

   Non è forse vero che quando soffriamo, questa sensazione di essere soli tende ad avvolgerci?

   Tra l’altro, una reazione probabile di fronte ad una estrema difficoltà potrebbe essere quella di chiudersi in se stessi. Per qualche motivo, tra cui il timore di non essere compresi davvero, o sentirsi vulnerabili, teniamo per noi le emozioni profonde e il nostro dolore, e questo aggrava ancor di più la situazione o il nostro stato d’animo.

   Un’altra cosa che avvertivo forte e chiaro era che non ce l’avrei fatta. Non ce l’avrei fatta ad affrontare la vita e ciò che avevo davanti: ero impotente.

   Finchè… finchè il Signore mi ha indicato la strada, finché il Signore mi ha sostenuto e soprattutto soccorso.

   Questi passi del cuore quindi, li vorrei dedicare fortemente a chi ora si sente avvolto dalle paure, dall’ansia, dall’impotenza di fronte alla malattia, o di fronte a un lutto, a chi quindi ha problemi fisici o psicologici: non siamo soli. Il male vuole farci credere di sì, vuole toglierci la Speranza, ed è per questo che Dio ancora oggi, proprio in questo momento ci parla!

“Tu non temere perché io sono con te… io ti fortifico, io ti soccorro…” e non solo, ecco gli altri passi che da quando li ho letti sono entrati nel mio cuore:

“Poiché io l’Eterno, il tuo DIO, ti prendo per la mano destra e ti dico: 
‹‹Non temere, io ti aiuto!››
Isaia 41:13

   Questa è una promessa che è rivolta a tutti noi! A tutti quelli che Lo desiderano nella propria vita. E Dio non mente.
  Forse ti senti solo, forse pensi che la tua fede non sia poi così forte, forse non riesci a scorgere Dio, o a capire perchè le cose siano andate in un certo modo nella tua vita, può succedere, ma tu, chiudi gli occhi, e nel profondo della tua anima, nel profondo del tuo cuore, guarda alla tua destra, Lo vedi? Ti sta allungando la mano per prendertela, come ha fatto con me. E se l’ha fatto con me, nel momento peggiore della mia vita, perché non dovrebbe farlo con te?

   Dio conosce precisamente ciò che proviamo, non solo, sa precisamente come aiutarci, e la cosa grande è che è Lui stesso a prendere l’iniziativa per rassicurarci. E’ Lui stesso a “bussare” alla nostra porta, noi dobbiamo solo aprirgli, accettare il Suo aiuto in qualsiasi forma ce lo voglia dare, accettare che Lui sa molto più di noi, mettendo da parte il nostro scetticismo, le nostre sensazioni negative, le nostre paure, tutte frutto del condizionamento che subiamo nel mondo, ma se guardiamo alle nostre radici, Lo vedremo.

  Non ci resta che correre ad apriGli, guardare in alto senza paura, affidarGli i nostri problemi… prenderGli la mano. :)

“Poiché io l’Eterno, il tuo DIO, ti prendo per la mano destra e ti dico: ‹‹Non temere, io ti aiuto!››
Isaia 41:13






49 commenti :

  1. Quello che dici è vero, ed è una cosa meravigliosa, anche nei momenti di solitudine possiamo non sentirci da soli.

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maira! sì, il miracolo di Dio è anche questo, essere sempre presente, essere sempre al nostro fianco... ♥
      un grande bacione!

      Elimina
  2. La sofferenza (qualsiasi forma essa assuma) è la più grande sfida della vita per la vera vita, secondo me... (la foto è proprio bellissima!). Un bacio cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io la penso come te, le sofferenze ci "forgiano" e in un certo senso ci fanno prendere delle direzioni, tra cui quella per la Vera Vita, e quella di riconoscere Dio e l'amore di Dio, anche nelle avversità.
      Grazie!!!! un bacione a te!

      Elimina
  3. Nessuno dovrebbe dunque disperare, indipendentemente dalle condizioni fisiche, dalla posizione economica, dall’ambiente o dalle attuali circostanze. Infatti, Dio è maggiormente glorificato quando si vede che una cosa è stata compiuta non mediante la forza o l’abilità della persona, ma mediante il potere di Dio. Come dice l’apostolo: “Noi abbiamo questo tesoro in vasi di terra, affinché la potenza oltre ciò che è normale sia di Dio e non da noi”. — 2 Cor. 4:7.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccione Claudia e grazie! :)

      Elimina
  4. Niente è più vero di questi passi, basta solo avere fede e crederci nonostante si dica che sono tutte baggianate! anche nel dolore e nella malattia Lui ci è vicino, quelli che pensano e sentono il contrario non sono entrati in comunione con Dio. Ci facciamo del male, noi esseri umani, e per sfuggire alle nostre colpe additiamo Dio come responsabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo Patrizia, come dici tu ci facciamo del male da soli rifiutando il Suo aiuto. Credo che spesso sia l'orgoglio a impedirci di vederLo...
      Un grande bacione ♥

      Elimina
  5. Cara Vivy, spesso ci domandiamo, perché certe cose succedono, la risposta è sempre la stessa!!! noi dobbiamo credere che ogni cosa ha il suo termine cioè pure le sofferenze, solo così potremo apprezzare veramente quel grande dono che abbiamo! La vita!!!
    Buona giornata con un abbraccio forte e con il mio sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo Tomaso! Che bello rileggerti sia sul tuo blog, che qui!
      Sì, sono proprio quelle domande a volte a condurci a Dio. Solo Lui ha le risposte e solo Lui ce le può dare, insieme all'aiuto per sopportare le avversità.
      La Bibbia dice che ogni cosa è per il bene dei figli di Dio, e la fede sta nel crederGli, credere sempre che il Suo amore supera ogni dolore terreno :)
      Un abbraccio fortissimo a te!!

      Elimina
  6. La nostra carnalità fà fatica ad accettare dolori specie fisici o disagi che ci sembrano ingiusti e insuperabili, mi viene sempre in mente l'apostolo Paolo quando chiede a Dio di togliergli quella spina nel fianco che portava da anni e che Dio gli risponde la mia grazia ti basta e allora sia fatta la Sua volontà non la nostra e Paolo ha continuato a lottare anche con quel dolore per sempre sulla terra, ma perchè? perchè sapeva che prima o poi sarebbe arrivato il giorno dove nulla poteva fargli male o farlo stare male, noi dobbiamo se cristiani fare come lui,chiedere di alleviarci o eliminarci dei dolori, ma poi accettare la Sua volontà, perchè a Paolo quella spina gli serviva per ricordarsi chi era e di non inorgoglirsi, a noi potrebbe o capita già lo stesso, quindi se accettiamo quello che Dio ci dà saremo sempre più sereni e felici anche nel dolore, non è facile a farsi ma se abbiamo fede veramente dobbiamo farlo e pregare tanto sempre per noi e per chi soffre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, la fede sta nell'accettare la Sua volontà anche se non è quello che ci aspettiamo, credere comunque che alla fine è sempre per amore e per il bene... e sono d'accordo bisogna pregare moltissimo.
      Un abbraccio :)

      Elimina
  7. E con questa tua è scesa la lacrimuccia che a fatica in questo periodo di grandi riflessioni interne, era li pronta per esplodere. Grazie come sempre per aver dato un senso a ciò che un senso non aveva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a Dio e grazie come sempre a te per la tua sensibilità. Può fare soffrire questo lato sensibile che abbiamo (lo avverto anche in te...), ma se lo utilizziamo bene, può anche catapultarci in un "mondo migliore" in una vita migliore, pur rimanendo in questa. Non è fantasia, solo una realtà che non tutti percepiscono. Il Signore è Vivo, il Signore è accanto a te e partecipa ad ogni tua riflessione... ♥

      Elimina
  8. bellissime queste parole ti aiutano ad affrontare la vita con più serenità...senza sentirti sola....un bacione simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona, per la tua presenza e per i tuoi commenti sempre incoraggianti :)
      Sì, non dobbiamo sentirci soli, perchè non lo siamo!
      un bacione!!

      Elimina
  9. Parole meravigliose che sai interpretare in modo delicato e forte nello stesso tempo. Credo che leggere le tue parole sia già un balsamo per chi sta soffrendo o per chi si sente solo e sente tutto il peso della sua solitudine.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio di cuore Antonella per le tue parole! Se così è, non posso che ringraziare Dio, prego sempre che mi aiuti ad esprimere ciò che mi mette nel cuore...
      un abbraccio grandissimo a te e ancora grazie ♥

      Elimina
  10. Come dice Antonella, queste parole sono bellissime... per chi soffre, per chi si sente solo... Grazie Vivy per questo post e per il commento che mi hai lasciato su "rinascita". Cercavo una mail, e non trovandola ti ho scritto su contact. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi devi ringraziare... ♥ hai fatto benissimo a scrivermi! a prestissimo allora!
      un abbraccionissimo a te!

      Elimina
    2. Non mi devi ringraziare... ♥ Hai fatto benissimo a scrivermi lì! a prestissimo allora e un abbraccionissimo a te!

      Elimina
  11. Carissima Vivy, ti ringrazio infinitamente per queste tue parole, sono commossa! Vorrei tanto che Dio aiutasse le persone a cui voglio bene, di me non m'importa. Stasera non riesco a dirti altro, ripasserò domani per tentare di formulare un pensiero più articolato. Un bacione. Buonanotte <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura... non mi devi ringraziare... so cosa intendi ♥ Quando la mia mamma stava male, ho pregato tutti i giorni quasi 24ore al giorno per lei, non mi importava di me, perciò forse comprendo i tuoi sentimenti, anche se ognuno di noi vive le cose in maniera del tutto personale. In ogni caso molto accomuna gli esseri umani :) Il problema è che allora non conoscevo Dio... perciò le mie preghiere erano qualcosa di "psicotico" non partivano sul serio dal cuore, e non amavo Dio, non che ora mi senta di amarLo abbastanza, ma, beh grazie a Lui ora vedo molto meglio se così si può dire...
      Credimi, la preghiera se fatta con fede è più potente di ogni altra cosa, e la disperazione e il dolore è un canale in cui Dio comunica moltissimo per poterci aiutare. E' accanto a te, così come è accanto a chi ami ♥
      un grande abbraccio con tanto tanto affetto ♥

      Elimina
    2. Buongiorno Vivy...innanzitutto hai la capacità di andare sempre al "cuore" del problema. Colmare la solitudine che si avverte in determinati momenti è l'elemento chiave per superare le difficoltà. A volte sento la mancanza di un interlocutore a cui poter esprimere tutto ciò che sento, sono sempre stata la sorella maggiore che si prende cura dei fratelli più piccoli, la compagna che conforta, la figlia che non ha bisogno di aiuto, l'amica con cui fare spensierate chiacchiere... Non è bello riversare sugli altri le proprie problematiche e per natura sono una persona che sa darsi coraggio e conforta gli altri...poi però ti accorgi che se hai bisogno di esprimere cosa hai dentro, non hai nessuno, ma proprio nessuno a cui rivelare tutta te stessa e con cui poter parlare liberamente e magari ricevere un po' di conforto. Io non ho avuto ancora la "rivelazione" che hai avuto tu, non riesco ad abbandonarmi a Dio come hai fatto tu...forse non è il mio momento, forse anche riguardo questo aspetto sono bloccata... In ogni caso, difronte alle avversità della vita, non mi sono mai sentita di incolpare nessuno, anche delle sofferenze non sto più di tanto ad interrogarmi il perché accadano...sono parte della vita e le accetto. Quello che non accetto è non poter aiutare in alcun modo chi soffre vicino a me, nulla posso se non farmi forza!
      Ricordo sempre con affetto una collega che stimavo tantissimo...la mamma stava vivendo i suoi ultimi giorni di vita e lei, dopo il lavoro pregava, parlava con Dio e mi raccontava dell'enorme conforto morale che ne riceveva....piangeva ma non si sentiva sola. Io non ci sono finora mai riuscita a ricevere questo conforto, penso solo che vorrei fare di più per chi mi sta attorno, su questo concentro le mie energie.
      Ti ringrazio ancora infinitamente per queste tue parole, non ti ringrazierò mai abbastanza, salverò la pagina tra i preferiti per rileggerla perché sapere e sentire che qualcuno mi ha compresa e mi ha ascoltata come hai fatto tu, è per me di grande conforto. Un abbraccio grande grande e scusa "il fiume" di chiacchiere e sentimenti! Un bacio. Laura

      Elimina
    3. ciao laura, scusa , ma ho letto il tuo commento ed è molto profondo, hai ragione , quando si ha bisogno poi ci sente soli, ma la vera forza che ti dai , e qui sicuro Vivy verrà in mio soccorso, è dovuta da Dio , e io sorrido e penserò a te, anche se conosco solo un nome . :-) affinché anche tu possa sentirti confortata da Lui.

      Elimina
    4. Sapessi Laura quante similitudini noto tra me e te su alcune cose... per me è lo stesso, ho bene o male sempre avuto _ e scelto _ il ruolo di confortatrice, non nego che mi piace incoraggiare e dare ciò che gratuitamente ho ricevuto, e l'unico a cui veramente sfogo tutti i miei problemi, ansie paure ecc. è Dio, certo parlo con Fabio, ma tendo a risolvere prima con l'aiuto del Signore per non pesare, anche perchè sai la cosa buffa? Se vado giù... l'unico in grado di tirarmi su è Dio, Fabio potrebbe (ed è successo), "andare nel panico" se sono a terra veramente, e nel periodo più brutto della mia vita di panico credo ne abbia provato tanto. Questo non vuol dire che non sia la mia superspalla, guai se non ci fosse! Mi supporta moltissimo e mi aiuta nelle mie nevrosi :D
      Ho provato il tuo stesso senso di solitudine, sai cosa succede anche? Che le poche volte che magari dico che sono giù ad es., le persone nemmeno ci fanno caso (non parlo di Fabio), e immediatamente passano a raccontarmi dei loro problemi ahahaha sorrido, perchè non ce l'ho con loro, capita e basta e forse è capitato anche a te...
      Hai ragione... ognuno di noi ha il suo momento con Dio, sai qual è la cosa importante però? RicercarLo, porsi domande, tenere aperto uno spiraglio nel cuore :)
      Anche io ero come te, la mia esperienza l'ho scritta in "Rinascita",... purtroppo, nonostante il nostro coraggio, la nostra forza interiore, la nostra volontà che può essere di ferro, e la nostra testardaggine, abbiamo grandi grandissimi limiti. Per questo vivere Dio, volerLo conoscere, leggere di Lui, può dare un conforto enorme oltre che un aiuto tangibile. Nessuno può comprenderti meglio, nessuno, e non ci sono limiti di tempo, puoi parlarGli in ogni momento di qualsiasi cosa e ti ascolta. Lo dice Lui stesso nella Parola
      Se ci fosse Gesù, proprio qui sulla terra, come allora, se ci fosse Gesù, ti accaniresti a fare da sola con le tue forze o gli chiederesti aiuto? E' una domanda la cui risposta è molto importante secondo me, e se gli chiederesti aiuto (cosa saggia! guariva a destra e a manca ), allora puoi farlo anche oggi, parlandoGli :D
      Prego che presto possa colmare il tuo cuore con ciò che ha colmato il mio. E mi sa che pregherà anche Tiziana Ora non è che non soffro, ma ho una specie di pace continua, e gioia che prima non avevo mai provato. Prego che il tuo momento arrivi prestissimo ♥ e prego per tutta tutta la tua famiglia.
      Tu sai che ci sono e io spero tanto che se avrai mai bisogno tu possa non sentirti sola ma sapere che per me sarà un privilegio ascoltarti ♥ siamo lontante ma non sei sola, oltre a Dio, ci sono anche io :)
      Scusa di cosa?? i fiumi delle tue chiacchiere mi piacciono un sacco!!
      Ti abbraccio immensamente splendida, forte, dolce amica mia ♥

      Elimina
    5. Grazie ancora Vivy e grazie anche a te Tiziana, vi abbraccio entrambe ♥♥

      Elimina
  12. Sono lietissima di conoscerti, Vivy, ti ho conosciuta tramite il blogroll di Stella.

    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il piacere è tutto mio!! Grazie per questo commento e grazie per esserti unita al mio piccolo blog, ne sono felice! e spero di rileggerti presto! :D
      un abbraccio grande a te!

      Elimina
  13. sei sempre fonte per me di riflessione e sollievo Vivy . e bò, sarà che oggi è un pò una giornata così, mi sono commossa.. ti aspetto , un abbraccio !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio di cuore Tiziana! E se trovi qualche spunto di riflessione, è tutto merito del Signore... un bacione!

      Elimina
  14. Belle parole Vivy. I tuoi passi del cuore mi fanno riflettere e avvicinarmi di più a Lui. In realtà non mi sono mai allontanata troppo. Ho guardato per molto tempo da un'altra parte ma Lui c'era sempre. Hai ragione! E nel momento del bisogno ancora di più.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna! non può che riempirmi di gioia il tuo commento :) è bello condividere i sentimenti per Dio, e parte dei nostri percorsi, ed è ancora più bello scoprire come il Signore guidi e aiuti ognuno di noi :)
      un megabacione a te e alla piccola ♥

      Elimina
  15. <3 in un periodo un po' caotico come questo (per me) ti devo proprio ringraziare per queste parole, per avermi ricordato questa semplice cosa: non sono sola.... <3
    Baci baci baci :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te per le tue parole e i tuoi commenti :) sì, non se mai mai sola ;)
      un superbaciotto a te!

      Elimina
    2. Corri subitissimo da me: TI HO TAGGATAAAAA!
      penso che ti piacerà questa tag speciale :D

      Elimina
    3. per la peppa che sorpresa! arrivo subitooooo aspettami!!! :D

      Elimina
  16. Belle parole in questo post.Buon fine settimana Vivy. - .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore, sono felice ti sia piaciuto il post e ti mando un abbraccione gigante :D

      Elimina
  17. Chi ha una fede forte come la tua ha un dono. Potersi affidare senza timore è meraviglioso. Vivere senza paure era ciò cui eravamo destinati.
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un dono grandissimo che ringrazio sempre il Signore di avermi fatto... io prego sempre che mi aumenti la fede, ne vorrei a palate :D perchè la Fede ti fa sentire la Sua presenza, e chiunque lo prega in questo senso può avere questo dono e tanta più fede di me. Vorrei l'avessero tutti perchè come dici tu, potersi affidare senza timore è davvero meraviglioso. Non posso dire di non avere paure, ma so a chi affidarle e Lui me le toglie sempre :)
      Grazie... e un forte abbraccio ♥

      Elimina
  18. Leggo questa tua rubrica con sempre maggiore interesse e tanta ammirazione per il modo in cui ci spieghi questi passi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazieeee!! E io allora ne sono sempre più felice e più incoraggiata ad andare avanti :) ♥

      Elimina
  19. io adoro Isaia....... questo profeta ciaiuta a capire cheDioci tende sempre la mano , inogni istante è qui con noi....sta a noi aprire quella porta o tendere la mano........ e la mano Dio la tende a tutti......
    grazie per queste riflessioni
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! che piacere leggerti! Sì, del tuo blog mi aveva colpito da subito la tua fede in Dio, e sono felice di sapere che anche a te piace molto Isaia. In questo libro ci sono moltissimi passi che conducono a Dio, e ci fa conoscere più profondamente il Signore :)
      Grazie di cuore a te per il tuo commento!
      a prestissimo! :D

      Elimina
  20. Aaahhhh! Sai che mi piace leggerti, perchè nelle tue parole trovo oltre al conforto di cui ho bisogno anche una gran pace!
    Grazie Vivy! te l'ho già detto che sono proprio contenta di averti conosciuto? Ah forse sì, ma visto mai dovessi dimenticartelo te lo ripeto..!
    Bacioni :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. me lo hai detto, e non posso scordarlo, ma... come può non farmi piacere "risentirlo"?? almeno so che non hai cambiato idea :P a parte gli scherzi, è davvero reciproco ♥
      E ringrazio sempre il Signore se trasmetto qualcosa di positivo, perchè è merito Suo :)
      un bacione enorme :D

      Elimina

Se vi va lasciate un commento, e vedrete che dal monitor sorriderò! :D