venerdì 30 maggio 2014

Non l’ho scritto io ma… volevo farvelo leggere! :D


La settimana scorsa ho deciso di buttarmi e partecipare a un’iniziativa chiamata: "Dimmi che storia scrivere" (se siete curiosi di sapere di cosa si tratta cliccate QUI ;) ) che ho “scovato” sul blog di Michele Scarparo: "Scrivere per caso".


   Naturalmente scrivere mi appassiona, però mi appassiona anche leggere e Michele è davvero un bravo scrittore, mi stupisce continuamente e come gli ho scritto in una mail: è un pozzo di fantasia! Perciò se siete amanti della lettura non fatevelo scappare: da lui sono emozioni assicurate ;)

   Comunque… tornando all’iniziativa, ho chiesto a Michele di scrivere una storia su me e Mr Pio (chi mi legge da un po’ sa chi è… ).
   All’inizio avevo un po’ “paura”, essendo una "argomento" che mi tocca molto da vicino, ma poi… beh, avevo letto abbastanza del suo blog per sapere che potevo andare sul sicuro e così… eccola qui! Mi è piaciuta a tal punto da volerla condividere con voi. Mi auguro davvero che vi piaccia e possa donarvi un’emozione, o un sorriso :)
Buona lettura! :D

L’incontro
Di Michele Scarparo

Ci sono molti nomi per lo stesso posto. Uomini con tradizioni e religioni diverse lo chiamano Eden, Campi Elisi, Valhalla, Nirvana. Noi lo chiamiamo semplicemente Paradiso. Però non è il nome, a dare il profumo alla rosa; un uomo, trovandosi là con i suoi cinque sensi limitati, avrebbe visto semplicemente una bellissima distesa ondulata di prati fioriti, immersi nel cielo azzurro e tiepido della primavera inoltrata. Se fosse stato abbastanza accorto, avrebbe anche forse sentito un soave profumo nell’aria; con uno sforzo ulteriore di concentrazione, si sarebbe anche potuto allontanare un poco dall’estasi ed avrebbe notato che i fiori ed il paesaggio sembravano essere cangianti, per adattarsi in ogni istante ai desideri dell’osservatore. O forse erano i desideri di chi era immerso in quello spettacolo, ad essere coerenti con le sue mutazioni.

Lui invece percepiva gli odori più che qualsiasi altra cosa: dopotutto la nostra vita riecheggia fin lassù, ed una esistenza passata ad usare il naso più che a guardarsi intorno aveva un certo peso. Fu per quello che la sentì arrivare prima di tutti gli altri: nella brezza, mischiato ai fiori, c’era un altro odore. Dapprima fuggevole, come una nota sepolta nella memoria. Poi più forte, fino a diventare così chiaro da rendere impossibile sbagliarsi. Lei stava arrivando.

La gioia lo invase con la forza di un’ondata; la potenza del suo sentimento fece sbocciare all’istante mille papaveri e mille girasoli. Le nuvole smisero di correre oziose nell’azzurro e si strinsero le une alle altre, fino a costruire un palazzo: pareti eteree dividevano saloni senza fine. I riflessi del sole dipingevano le facciate d’oro, con i tulipani che le adornavano come rubini e le rose bianche come diamanti. I raggi della luna, invece, dipingevano d’argento le volte delle stanze: lì campanule ed orchidee facevano a gara per prendere la tonalità e la bellezza di lapislazzuli ed ametiste.

Lui l’aspettava nel salone più interno, quello più riccamente decorato: vi si aprivano 24 finestre, ornate d’edera e narcisi; una cascata di mimose, pendenti dal centro della cupola che ne costituiva il soffitto, illuminava tutto come se fosse stato un grande candelabro di cristalli e candele. I profumi dei fiori riempivano i saloni in un modo così perfetto, che neppure il più grande sultano avrebbe potuto avere un decimo di quella ricchezza. I petali, che si staccavano con grazia, creavano tappeti di incredibili figure e colori: neppure con tutta la seta del mondo si sarebbe potuto ottenere un arazzo tanto magnifico.

Lei si presentò davanti alle porte della corte principale: il sole, con i suoi raggi, le dischiuse e l’annunciò all’interno. Avanzò nel grande spiazzo, desiderosa di arrivare fino al salone delle 24 finestre ma ancora titubante: era infatti appena arrivata e non era ancora abituata a quella che sarebbe divenuta la sua vita d’ora in avanti e per sempre. Avanzò tra due ali di gigli che sembravano inchinarsi al suo passaggio; giunta al cortile interno credette di aver concluso il suo viaggio, ma questa volta fu la luce della luna ad aprire le porte interne del palazzo. Nel primo salone due pareti di gelsomini la condussero alla stanza più interna. Da là fiordalisi e glicini odorosi l’accompagnarono sempre più in alto, nel palazzo delle nuvole. Dopo aver attraversato mille ambienti, ciascuno più incantevole del precedente, in un tripudio di fiori, odori e colori si spalancarono le ultime porte. Dinnanzi a lei si aprì la meraviglia del salone delle 24 finestre, talmente in alto da essere del tutto al di sopra delle nubi.

Lui la vide: per la gioia cominciò a saltare ed a correre tutto intorno. La felicità di entrambi era incontenibile: come un vaso sotto una fonte, il loro animo si era riempito presto di questo sentimento fino a tracimarne. Sulle loro schiene, le ali frullavano di contentezza: le folate d’aria scompigliavano i lunghi riccioli di Vivy ma a Mr. Pio, col pelo corto e ben piantato sulle quattro zampe, importava assai poco.






Allora?? Che ne pensate? Vi è piaciuta? Avete visto che moltitudini di colori e profumi?
Leggere una storia che ti riguarda è emozionante, non trovate che questa iniziativa sia originalissima? :)




55 commenti :

  1. Beh, parte del merito va sicuramente anche ai protagonisti....però hai ragione, Michele è stato davvero bravo ed intenso, con questa storia da leggere tutta d'un fiato! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie koko... grazie grazie! ♥

      Elimina
  2. Emozione! per me tanta....immagino per te! Già me lo vedo quel rotolino di Mr. Pio a saltarti addosso! Bella questa visione, e bello il tuo amore per lui! Bacioni cara riccioli d'oro. E bravo Michele!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì... una grossa emozione, come il leggere i vostri commenti, non posso descrivere ciò che sento, posso solo dire: GRAZIE! ♥
      Un enorme bacio a te ♥

      Elimina
  3. Un'iniziativa veramente originale!
    Grazie per avercela segnalata cara Vivy!
    E bravo Michele!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grazie enorme a te!!! e un grande abbraccio ♥

      Elimina
  4. Grazie Vivy! E grazie a tutte voi!
    Vedere che quello che ho scritto "ha preso il volo" sulle ali di altri blog è davvero una grande emozione, per me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Michele... ti auguro davvero mille e mille emozioni e soddisfazioni come scrittore :)

      Elimina
  5. Eh eh, sarà felice Michele in questi giorni!! :D li merita tutti i ringraziamenti, è veramente bravo! ! E poi la storia mi ha emozionato tanto, sembrava di entrare in un mondo fatato.. sono felice che hai ancora una volta, potuto abbracciare mr pio in questa favola!! A presto amica mia dolce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! Ho avuto la tua stessa sensazione... entrare in un mondo fatato :) Grazie... ♥ Un grande e grosso bacione!

      Elimina
  6. hai ragione è una storia bellissima..complimenti a te e allo scrittore!
    ti auguro una buona giornata simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuorissimo Simona!!! e a te auguro una supermeravigliosa serata ♥

      Elimina
  7. Bella iniziativa e meraviglioso il racconto... Da brividi... Nell'ultimo paragrafo, che poi è quello cruciale, è scappata la lacrimuccia... Mi metto nei tuoi panni e immagino cosa hai provato... Non so cosa tu creda, ma pensare che il vostro incontro sarà così credo che non possa che farti piacere... La foto comunque sembra scattata di proposito per questo racconto...

    Buona giornata Vivy!!!

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio mi ha donato Pio, è grazie al mio "cicciottone" che ho conosciuto il Signore, ciò che credo è che se Lui vorrà lo riabbraccerò. Ancora il ricordo è vivido del giorno in cui, sapendo quanto mi mancava il contatto fisico con Pio, senza che Gli chiedessi nulla, mi ha fatto provare vividamente la sensazione di come sarà... è difficile spiegarlo, una specie di abbraccio spirituale... è come se avessi avuto un anteprima del giorno in cui se vorrà, lo riabbraccerò...
      Grazie davvero di cuore Maira, delle tue parole e della tua sensibilità verso di me ♥

      Elimina
  8. un racconto commoventissimo e una foto bellissima adatta al racconto ♥
    corro a farmi fare anche io un racconto dal bravissimo Michele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava!! Corri! son proprio curiosa dell'argomento che richiederai a Michele e di leggere la storia!! :D
      Grazie... mi è venuta subito in mente questa foto... ci sono davvero legata ♥
      Un bacione!!

      Elimina
    2. Mchele mi ha scritto il racconto e presto lo pubblichero'

      Elimina
    3. L'ho letto e l'ho trovato molto molto bello! :)

      Elimina
  9. Wow Vivy, che magnifica storia, piena di sentimenti :-) complimenti allo scrittore :-) la foto poi è bellissima
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivy!! non sai quanto mi fa piacere che ti sia piaciuta sia la foto, sia la storia... sì, Michele se li merita tutti i complimenti!!
      Grazie grazie!! un bacione :D

      Elimina
  10. Complimenti a Michele Scarparo per il suo travolgente modo di scrivere e a te cara Vivy per il tuo amore incondizionato e costante.
    Tutti desidererebbero essere amati così!!! ^_^

    Grazie dolcezza per aver scelto ancora una volta di condividere un po' del tuo amore con tutti noi. Ti abbraccio cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e non sai quanto, a te per esserci, e per il grande affetto che mi fai sentire ogni volta, mi riempie il cuore!! ♥

      Elimina
  11. Una storia scritta con maestria e ricca di dettagli che procurano una forte emozione. Complimenti Michele, la tua fantasia non conosce confini.
    Un bacio a te, riccioli biondi e a Mr.Pio.
    Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e Mr Pio ci prendiamo tutto il tuo bacio e ricambiamo con il cuore! (Procurati un bel fazzoletto che Pupi c'ha una super linguazzona! ;) )

      Elimina
  12. Bravissimo davvero Michele mi sono emozionata io nel leggerla figurati tu...è sempre bello venire nel tuo blog un abbraccio immensoooo ^______^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E per me è sempre bellissimo averti qui ♥ GRAZIEEEEEEE!

      Elimina
  13. Che dire!! Complimentoni....l'ho letta tutta d'un fiato....ed è stato un vero piacere :):)

    RispondiElimina
  14. Ciao Vivy conosc già Scarparo e confermo la sua bravura,anzì mi ha dato un idea....
    Bello il racconto.Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed io sono contentissima per la tua idea!! ma già lo sai :D

      Elimina
  15. Letto tutto d'un fiato!
    Davvero emozionante e ben descritto e i protagonisti...esseri speciali!!!!
    Bacioni!
    Sharon :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sharon!! Grazie per considerarci speciali... ♥ io non tanto ma Pio, beh, lui era super speciale ♥
      Grazie infinitissime, spero ti arrivi il mio forte abbracccio :)

      Elimina
  16. complimenti a Michele e brava tu Vivy! Il passerotto di mr, Pio è un amore :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Batù!! o meglio Simo?? :D ♥

      Elimina
  17. Molto bella l'iniziativa e meraviglioso il racconto...complimenti a Michele che ha saputo cogliere così bene l'amore intenso e infinito che lega il cane all'uomo.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è un amore indescrivibile, forte al punto di varcare i confini del cuore ed essere infinito ♥
      Grazie Antonella un mega abbraccione a te!

      Elimina
  18. Brava Vivy la foto è davvero giusta!!! e tanti complimenti a Michele che è riuscito a trasmettere tanta emozione!!!! Un bacione alla prossima ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Manu!! Sono felice che ti piaccia la foto e il racconto ♥
      un baciottone anche a te :D

      Elimina
  19. E' meravigliosa, emozionante, vera... mamma mia, che dolcezza!!!:D

    RispondiElimina
  20. Bella idea!!! Sono contenta che abbiate conosciuto Michele!!! :)))
    Wow che forte!

    RispondiElimina
  21. Bellissimo e originale racconto scritto divinamente..
    L'idea è splendida, peccato non avere il tempo..
    Vedremo!
    Bacio speciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccione super a te!! e grazie! ♥

      Elimina
  22. Ciao! sono Debby, l'organizzatrice del Garden Party su "Il Giardino Segreto". Sono passata per ringraziarti di esserti unita all'evento e per lasciarti un saluto =)
    Baci e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Debby!! che piacere averti qui! Grazie a te di essere passata e del tuo bel party! ;)
      Un bacione!

      Elimina
  23. Quando sono altri a scrivere di noi è sempre complicato. Ma se è scritto con l'emozione di chi ti conosce, il risultato è garantito e delizioso, come in questo caso.
    Spero di vederti tra le mie pagine, mi farebbe piacere.
    Un sorriso per la giornata.
    ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! La bravura di Michele è stata anche di scrivere di noi senza conoscerci, ha mostrato molta sensibilità :)
      Grazie per il tuo sorriso che ricambio e... certo! Verrò a leggerti subito! :D

      Elimina
  24. ooohhhh che dolcissimo racconto.. hai fatto bene a pubblicarlo, mi ha fatta emozionare!
    complimenti a Michele!
    un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne sono felice Simona!! Grazie!! e un mega abbraccione a te :D

      Elimina
  25. Michele complimenti,super bravo!!!

    RispondiElimina
  26. Ciao, con piacere mi sono iscritta come follower del tuo blog ^_^
    Anche io ho un blog e se ti fa piacere ricambiare eccoti il link: http://nailartbyrachele.blogspot.it/
    Ti aspetto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rachele! Grazie e BENVENUTA! Ora passo subito da te! :D

      Elimina
  27. Carissima Vivy,
    c'è un premio per te nel mio blog.
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina

Se vi va lasciate un commento, e vedrete che dal monitor sorriderò! :D