martedì 3 marzo 2015

Il Mare dei Sentimenti


La vita è un gran bel viaggio. E quell’uomo sul molo, intento a mollare la cima, di viaggi se ne intendeva eccome. Ne aveva visti di posti con la sua fedele compagna “Light and Dark”! Un barca a vela che aveva chiamato così, in onore del sole splendente e delle notti più buie che lo avrebbero atteso nelle sue avventure per mare.

   Se solo la vita fosse stata un viaggio in barca a vela… avrebbe saputo che rotta seguire, quando virare, e come muoversi per non rimanere sottovento. Ma di fronte al viaggio in solitaria all’interno della sua mente, si era trovato completamente impreparato. Cosa fare durante un improvviso maremoto nel cuore? Dannazione, non aveva certo un manuale per questo! E aveva rischiato di uscirne distrutto. La corrente l’aveva trascinato via, e trasportato dai ricordi, rivisse il momento in cui dovette attraversare mari tempestosi, combattere con l’orribile Squalo della Paura, remare lontano dall’incredibile Mostro del Dolore. Poi aveva nuotato attraverso il canale della Speranza per riprendere le forze e affrontare la Sfida più terribile: quella contro se stesso. In fondo era lui il più delle volte a mettersi i bastoni, o in questo caso i remi, tra le ruote. A grandi bracciate si era allontanato dalla Fede, facendosi sopraffare dalle onde del male, ingigantendole fino a trasformarle in uno tsunami e così non riuscì più a scorgere Dio. Sì! Quel Dio che aveva visto nei tramonti, nella bellezza dei delfini, nel candore delle nuvole. Quel Dio con cui era solito parlare, ammirando le stelle.
   Le acque fredde dell’amarezza, avevano congelato il suo cuore convincendolo di essere invincibile; non aveva bisogno di Dio, che cosa ridicola! Finché dovette affrontare il temibile fiume di Lacrime. Aveva tentato di sommergerlo, scovando i punti deboli nella diga del suo cuore per farla cedere, infiltrarsi e inondarlo nella sofferenza. A quel punto gli mancò il respiro… l’acqua iniziò a corrodere la gioia, facendogli scordare della sua esistenza. Invece la Gioia c’era; c’era anche in mezzo al Titanico Fuoco di Angoscia che lo circondava, perfino oltre le guerre e le assurdità che ogni giorno capitavano nel mondo, ed era addirittura nella grande depressione che dilagava dentro di lui…
   La Gioia era pronta a tendergli la mano. Era così ansiosa di ricordargli di quando era bambino e un piatto di lasagne, insieme a una partita di calcio in solitaria contro il muro, lo rendevano felice. Era lì che gli urlava: “Ti ricordi di quando la speranza vinceva contro tutto? Quando sognavi di volare ed eri sicuro che anche senza il costume di Superman ce l’avresti fatta? Quando dicevi di poter cambiare il mondo e mentre quell’adulto sorrideva scettico a questa tua affermazione, pensavi risoluto che se lui non c’era riuscito, era solo perché si era fatto sopraffare dalla criptonite della sfiducia. E pensavi che a te non sarebbe successo e ogni battaglia l’avresti vinta, e poco a poco saresti riuscito a spegnerlo quel maledetto fuoco, sì, non saresti mai diventato quell’adulto depresso e arreso alla corrente del male nel mondo.” “Poi però sei cresciuto, e la corrente ti ha portato via, facendoti scivolare lentamente verso la cascata del cinismo e dell’infelicità.”
   “Ma ora svegliati!”

   Mentre l’acqua lo trascinava, uno schizzo di lucidità gli rinfrescò le idee e quando con la coda dell’occhio scorse quel ramo, che sembrava essere stato messo lì apposta per lui, decise di afferrarlo e finalmente si rese conto che non era lui il pompiere in grado di spegnere quel fuoco di angoscia, non poteva vincere. Una cosa però la poteva fare; tornare bambino, e non solo: tornare ad avere la Fede di quel bambino.
   A quel punto la corrente cambiò. Sarebbe stato pronto ad attraversare le acque, il fuoco e le tempeste, sarebbe stato di nuovo pronto a cambiare il mondo, persino pronto ad affrontare la morte, perché sapeva la Verità, e cioè che il buio che lo aveva avvolto in tutto quel tempo, era sempre stato circondato dalla Luce.

   Fu con questa consapevolezza, che quel giorno si lasciò il molo alle spalle, iniziando a navigare… Il mare questa volta era calmo, anche nel suo cuore. Si passò le mani tra i capelli brizzolati e chiuse gli occhi assaporando uno dei momenti che preferiva: il sorgere del sole. Sentiva i primi raggi sulla pelle e aveva la sensazione di poterli quasi toccare. L’aria sapeva di buono, e quando aprì gli occhi vide uno scintillio nell’acqua. Curioso si sporse dalla barca allungando un braccio, e afferrò un oggetto, una piccola bottiglia di vetro ambrato.
   Tolse il tappo e socchiudendo gli occhi estrasse il biglietto al suo interno, leggendolo a voce alta: “Quando dovrai attraversare le acque io sarò con te; quando attraverserai i fiumi, essi non ti sommergeranno; quando camminerai nel fuoco non sarai bruciato e la fiamma non ti consumerà, perché io sono il Signore, il tuo Dio, il tuo salvatore. Perché tu sei prezioso ai miei occhi, sei stimato e io ti amo…”

   Dallo stupore sarebbe caduto, se non ci fosse stato il bordo della barca a sorreggerlo. Di scatto alzò la testa guardando l’orizzonte con occhi scintillanti e scoppiò in una risata, una risata mai sentita, una risata viva come una nuova alba. La risata della libertà di Dio, la risata che in fondo, con la “carta nautica giusta”, si trova nel cuore di ogni uomo.



Ispirandomi a un mio vecchio post (forse qualcuno lo ricorderà), ho scritto un piccolo racconto che volevo condividere con voi, spero vi sia piaciuto!!! Come spero con il cuore che possa piacervi l'ultimo video della serie "Odio la morte!"
Io e Fabio ce l'abbiamo messa tutta per concludere in "bellezza", e devo dire che ci siamo anche divertiti! Comunque non poteva esserci finale migliore per la dannata morte! :D Speriamo che possa emozionarvi almeno un pochino...
Buona visione a chi lo guarderà! :)



Ne approfitto per ringraziarvi per la vostra presenza e per i commenti sempre splendidi che mi lasciate, ogni volta penso che sia un privilegio, e ogni volta mi date molta gioia e carica per andare avanti :) Scusate se non sono riuscita a rispondevi subito nel post precedente, ma dei malannucci di stagione mi avevano tolto un pochino di energie, ma ora sto benone!

Un grande abbraccione e a presto! :)


36 commenti :

  1. Se nella nostra barca c'è il Signore, sicuramente non affonderemo anche se le tempeste arriveranno. Egli ci ha promesso che non ci lascerà e non ci abbandonerà e per noi questa è una grande consolazione. Allora non ci resta di invocarlo in ogni momento della nostra vita e allora non saremo mai soli e come ci ha promesso, porterà Egli stesso i nostri pesi. Buon proseguimento di giornata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, la Barca di Dio è il posto più sicuro in cui stare ;) :D
      Buonissimo inizio di settimana a te e grazie!!

      Elimina
  2. Il libro del Apocalisse è davvero molto difficile, sarà un piacere impara a interpretare nel modo più giusto il pensiero dei Profeti e degli Evangelisti, del resto l'Apocalisse è un libro di Dio agli uomini
    sarà un piacere vedere i tuoi video

    Bellissimo il racconto che ci hai regalato, bellissimo e piacevole il video sulla morte
    >Dio asciugherà le mie lacrime>
    La cosa strana e che molte persone, me compresa, anche se sono nate con un insegnamento religioso, abbiano trascorso un periodo della loro vita con un allontanamento da Lui, e poi quando hanno toccato il fondo, hanno cercato il Suo aiuto, hanno incominciato a Credere, a Pregare....
    sono una di loro, ma questo te l'ho già detto...
    a differenza di te, leggo poco la Bibbia, e anche il Vangelo, ma una cosa strana mi sta accadendo che quando tu mi consigli dei Salmi o delle Letture poi io vado a rileggermele
    Insomma, mi piace venirti a trovare, leggere le tue risposte hai miei commenti e dialogare con te di temi anche difficili...
    Forse è Lui che mi ha fatto scoprire il tuo blog, un perchè certamente c'è
    buona settimana felice e serena Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimissima Valeria, mi tocca molto leggerti e sentire la tua vicinanza ♥ Anche io penso che non ci sia il caso, ma che ogni cosa sia guidata da Dio, e questa cosa la trovo grandemente rassicurante! :)
      Sarà molto bello se tratteremo insieme il libro dell’Apocalisse, perché insieme si scoprono cose che a una singola persona possono sfuggire :) mi piacerà farlo nella semplicità, e mai pensando di avere la verità assoluta perché quella è di Dio, ma nella voglia di condividere ciò che ho sentito e sento verso questo libro bellissimo.
      Sì, Dio asciugherà le lacrime e già ora riesce a farlo. Anche io faccio parte del “club” :P :) (la mia esperienza la racconto in “Rinascita”), e ho scoperto che la disperazione è uno dei canali che usa Dio per “accalappiarci” :P :P in fondo Lui ci vuole, Lui ci ama e usa qualsiasi cosa per condurci a sé e le lacrime fanno sentire intensamente la Sua presenza. E non importa come ci arriviamo… l’importante è arrivarci ;) Purtroppo la religione è una cosa che ha inventato l’uomo… sai che nel vocabolario biblico la parola religione è inesistente? È una delle scoperte che ho fatto nella mia ricerca di Dio… incredibile… è la conoscenza di Dio, quella individuale che il Signore vuole, perché sa che solo così potremmo innamorarci di Lui, di un amore lontano dalla tradizione, o da insegnamenti umani :) La Parola di Dio mi ha cambiata, me ne sono innamorata e se ti sta venendo un po’ di “voglia” di leggerla io ne sono strafelice e ringrazio il Signore perché sono certa che ti donerà tante ma tante cose positive… oggi allora ti dedico il capitolo 14 del vangelo di Giovanni! È un capitolo stupendo in cui si sente la splendida voce di Gesù! Mi emoziona tantissimo… Inizia così: “Il vostro cuore non sia turbato; abbiate fede in Dio, e abbiate fede anche in me!” ♥
      Anche a me piace leggerti e considero un privilegio la tua amicizia e il nostro scambio di pensieri :)
      Ti abbraccio forte forte in Lui e a prestissimo!

      Elimina
    2. trovo che il libro del Apocalisse sia molto difficile, conoscere una persona che lo rende facile, di comprensione per tutti è una cosa molto bella e io ti seguirò volentieri
      grazie di avermi dedicato il capitolo di Giovanni
      un bacio Valeria

      Elimina
    3. Grazie a te di esserci ♥ :)
      E' vero non è un libro "semplice" a prima vista, e senz'altro non ho le risposte per tutto, ma da quando conosco Dio, ho compreso che la Sua Parola è semplice, nel momento in cui si chiede al Suo Spirito di rivelarcela... e io amo così tanto la Sua Parola! :D e sarò felice se ci sarai, grazie! Un bacione grande ♥

      Elimina
  3. Lo guarderò stasera, sarà un successone, lo sento :) Grazie della mail, cara Viviana, ti risponderò quanto prima :*

    Maira

    RispondiElimina
  4. Ma siete diventati bravissimi! Che montaggio professionale questo video!!! E anche divertente :-)
    Come sempre il tuo modo delicato ma entusiasta di scrivere e raccontare è unico ed emozionante!
    Molto bello anche il racconto. Brava!
    Buona serata
    Serena
    p.s. la foto è bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio immensamente Serena! il tuo commento mi riempie di gioia e ti ringrazia anche il mio maritino, speravo fosse un pochino divertente! :D Noi sicuramente ci stiamo appassionando è molto bello poter comunicare anche così!
      Mi incoraggi moltissimo ♥ e sono felicissima che anche il racconto ti sia piaciuto :D
      Un bacione grandissimo!

      P.s. Grazie! In genere le foto mi piace montarle, ma questa l'ho trovata così com'è nel sito Pixabay, ci sono molte belle foto! :D

      Elimina
  5. Ma che racconto coinvolgente Vivy.
    Come sempre sai andare al nocciolo ma con parole dolci e delicate.
    Senza il Suo aiuto la barca affonderebbe subito. E chi ci è passato lo Sto arrivando! bene!
    Un forte abbraccio affettuoso Maria
    P.S. E complimenti per il video!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e supergrazie Maria!! Sei un continuo sprono per me e te ne sono gratissima ♥
      E poi è bello viaggiare sulla stessa Barca... ;) :D
      Un grossissimo abbraccio ♥

      Elimina
  6. Cara Vivy, un grazie per questo racconto, tutti siamo in quella barca e se anche sarà vecchia si cerca di farla navigare più a lungo possibile. Ciao e buona giornata cara amica sempre con un sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissimo Tomaso, un abbraccio grande grandissimo!

      Elimina
  7. grazie per il video Vivy, lo riguarderò con calma.....un bacione simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Simona e un bacione!

      Elimina
  8. Bello il racconto, ma il video è davvero molto toccante!!! ti abbraccio <3 ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie si supercuore come sempre Manu!!! ♥♥♥

      Elimina
  9. Splendido racconto che rinfranca e l'immagine ci porta al paradiso!
    IL video finale è emozionante, carissima Vivy hai saputo raccontare la trasformazione della morte sempre con il sorriso, facendoci riflettere e sollevarci, io come sempre ho finito di ascoltarti con gli occhi offuscati dalle lacrime e con il pensiero ai miei cari lassù!
    Un forte abbraccio e buona serata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tuoi commenti significano moltissimo per me... ringrazio il Signore se questi video ti hanno emozionata perchè è tutto merito suo ♥ e ringrazio te come sempre per la presenza e l'affetto che scaldano il cuore!
      Un mega abbraccio ♥

      Elimina
  10. Ecco, il punto è rporpio quello lì: avere la "carta nautica giusta". =)
    Un abbraccio.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha!! Già già la carta nautica giusta! E' in ognuno di noi, basta trovarla nel nostro mare personale ♥
      Un abbraccione!

      Elimina
  11. Meraviglia delle meraviglie come sempre cara Vivy..ma purtroppo io non ho neppure avuto un'infanzia così felice da poter ricordare nei momenti più bui...Lottiamo, viviamo di speranze, di delusioni, di ricordi..e spesso ci facciamo soprafarre...
    La fede , grande cosa, perchè non la ricordiamo più spesso..? non so risponderti, ma ti voglio bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Nella, ti voglio bene anche io, e la fede può "ricordarcela" solo Dio, perciò se Gli siamo appiccicati, non la si scorda più! ;) Come scordarsi del sacrificio di Gesù per noi :)
      un bacione!

      Elimina
  12. È un bel racconto :-).Parla di qalcosa di difficile fiducia e speranza,non perdere il cuore durante il tragitto...ci vuole molto allenamento.Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già... molto allenamento e molta forza d'animo, ma grazie a Dio c'è Dio che ci lancia la "scialuppa di salvataggio" ;)
      Ti abbraccio forte!

      Elimina
  13. Bravissima!! Trovi sempre gli esempi più significativi e chiari per spigare la vera vita e la speranza... attendo i prossimi video sull'apocalisse, che come è successo a te mi incute timore, anzi... molta PAURA. Non ne ho la forza e la capacità di interpretarlo da sola. Un forte abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeeeee!! Grazie di cuore Anna Maria! e grazie al Signore che mi ispira ogni giorno... beh, allora sarà bellissimo e un privilegio poterla interpretare insieme con il Suo aiuto, non vedo l'ora! ♥
      Un enorme abbraccione a te ♥

      Elimina
  14. Un racconto bellissimo ... avevo quasi il ricordo de Il Vecchio e il Mare ...ma poi mi sono resa conto che era una situazione diversa ....un racconto magico ... sei bravissima nell'esprimerti ed arrivare con chiarezza ....anch'io ho una sorta di inquietudine e timore sull'apocalisse
    lo capiremo assieme ...sono contenta che tu stia meglio ... un abbraccio
    giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusi!! Sei affettuosissima!! E sono tanto contenta ti sia piaciuto il racconto... sai che non ho mai letto "Il Vecchio e il Mare"? Mi hai messo curiosità :D
      Siiiiiiii sarà splendido intraprendere insieme l'avventura di esplorare il libro dell'Apocalisse! :D
      Un abbraccione super!

      Elimina
  15. Mi riallaccio alla fine del tuo post: hai ragione, sei fortunata ad avere tanti commenti affettuosi. Ma è semplicemente il merito di saper divulgare al meglio il tuo pensiero, ricco di profondità, e che le persone lo recepiscono apprezzandolo. Cosa non facile, oggi. Il racconto è perfettamente collegato alla tua indole, quindi genuino e ricco di significati. Il video fa da ottimale collante al senso di quanto sai trasmettere.
    Un sorriso per uno splendido inizio di settimana.
    ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, leggerti mi fa sempre sorgere un grande sorriso!!! :D
      Sei gentilissimo e se ti è piaciuto il racconto ne sono onorata dato ciò che fai nella vita! Grazie!! :D
      Il merito è del Signore che mi dona molta ispirazione e tanta gioia di vivere nella semplicità, Gli sono tanto grata perchè oltre ad essere bello per me condividere la fede, è meraviglioso conoscere tante persone con dei bellissimi cuori :)
      Grazie ancora e che possa essere anche pr te una settimana luminosa, a presto! :D

      Elimina

Se vi va lasciate un commento, e vedrete che dal monitor sorriderò! :D